Category Archives: Senza categoria

LE CONDOTTE ALIENANTI-2

Riprendo il tema perché mi è stata segnalata la sentenza di un Tribunale statunitense nella quale vengono esaminate proprio tali condotte proposte da una delle più fanatiche sostenitrici della PAS, la d.ssa Amy Baker.

La sentenza è della Corte Suprema dello Stato di New York e si trova qui.
La vicenda in breve: i genitori si separano, le tre figlie sono in affidamento condiviso, collocate principalmente dal padre con diritto di visita della madre per due giorni la settimana, e inversione del collocamento di settimana in settimana.
Dopo circa un mese dalla separazione il padre inizia una battaglia legale contro la madre, che si è protratta per anni sino a giungere alla Corte Suprema.

La Corte riprende le critiche al concetto di PAS o alienazione parentale, espresse da altri Tribunali in precedenti sentenze, citando i vari autori che se ne sono occupati, da Paul Fink a Carol Bruch.
Una prima osservazione del Tribunale è interessante: il padre, oltre a dichiarare l’alienazione da parte della madre, deve provarla e in questo processo non vi è prova alcuna di ciò.
Ed ecco scendere in campo i massimi esperti dell’alienazione parentale, i quali però, date le citate critiche, non ne parlano esplicitamente e si rifugiano nei soliti retorici giri di parole.

Per prima la d.ssa Baker con il nuovo concetto delle condotte alienanti; ne elenca ben 17.
Senza portarla per le lunghe, la d.ssa Baker ha dovuto ammettere, sotto giuramento, di non aver mai incontrato le tre figlie della coppia e quindi di non essere in grado di provare l’esistenza di tali condotte alienanti né di provare che tali condotte, da lei ipotizzate, abbiano effettivamente allontanato le figlie dal padre, con il quale invece convivevano essendo collocate da lui, né, come osservato dal Giudice, vi era correlazione tra tali presunte condotte e l’opinione che le figlie avevano del padre.
Ecco il brano.

Un concetto, questo delle condotte alienanti, totalmente campato in aria e sganciato dalla realtà dei fatti; gli psicologi giuridici dimenticano, anche negli USA, che in Tribunale si devono esaminare e valutare i fatti e non teorie campate in aria.
Ed ecco scendere in campo, dopo la d.ssa Baker, un’altra ‘esperta’ di alienazine parentale, la d.ssa Linda Gottlieb, assistente sociale.
Il Giudice ha definito la testimonianza della Gottlieb come “l’apice della follia”.
Ecco il brano.

Intervenne poi un terzo esperto, il dr Robert Evans, il quale pure, sotto giuramento, dovette ammettere di non aver mai incontrato le figlie della coppia, e quindi di parlare a vanvera. Giunse a dire che se il Tribunale ascoltava i bambini dava loro potere; una vera e propria assurdità, come dire che se il Tribunale ascolta dei testimoni conferisce loro potere. E i processi come si fanno? Virtualmente?
Il Tribunale alla fine ascoltò le tre ragazze le quali testimoniarono che pur avendo una buona relazione con il padre preferivano vivere con la madre perché per loro era più comodo in questo modo continuare a frequentare la scuola, senza i continui cambiamenti di domicilio imposti dalle precedenti sentenze.

Il Tribunale ha concluso che non era stata prodotta alcuna prova di tale presunta alienazione parentale e rigettò tutte le richieste del padre.
A quando nei Tribunali italiani?

LE CONDOTTE ALIENANTI-1

Si tratta del nuovo mantra dei sostenitori della PAS.
Persa la partita con il DSM-III nel 1985, Gardner fu il primo a sostituire l’espressione PAS con quella di alienazione parentale, pensando così di poter sfuggire alle critiche della comunità scientifica (due psicologhe giuridiche italiane, venete, sostengono invece di essere state loro per prime a parlare di alienazione parentale; le manie di grandezza non hanno limiti).
Poi arrivò Bernet che in combutta con la Baker tentò di giocarsi la carta del PAD, disturbo di alienazione parentale, con il DSM-5; ma ha perso anche lui. Alla fine Bernet se ne è venuto fuori col fatto che comunque l’alienazione parentale è tra le pagine del DSM-5 in forma di spirito. Segno di non perfetta salute mentale.

Sempre Bernet, con i suoi accoliti, ha poi tentato un nuovo bluff, giocando la carta del disturbo/problema relazionale con l’ICD-11, perdendo nuovamente la partita. Concetto privo di logica perché se proprio nel rifiuto si vuole vedere un problema relazionale è chiaro che questo problema esiste tra il bambino che rifiuta e il genitore rifiutato.
In Italia c’è stata la fase delle sapientine romane del rifiuto immotivato, subito abortita.
Poi è arrivato il piripacchio, cioè chiamiatela come vi pare ma esiste. Poi il bambino adesivo e la madre assorbente, tanto da far pensare che gli psicologi giuridici i loro corsi di formazione li facciano nelle copisterie.

Adesso è la fase delle “condotte alienanti che non richiedono studi scientifici”; condotte fognarie ovviamente.
Eh, sì, perché appena si tenta un approccio scientifico alle loro concezioni le stesse franano miseramente, come castelli di sabbia o di fango; quindi niente studi scientifici.
L’espressione è stata usata da uno psicologo giuridico in un suo scritto e ripresa da un avvocato-giornalista in una intervista.

Ma cosa sarebbe una condotta alienante? In cosa consiste? Chi lo dice che quella condotta sia alienante? Sulla base di quali studi? Ah, già è vero, non necessitano di studi scientifici.
Quali prove allora portano nel processo per sostenere questa condotta alienante di un genitore?
Nulla, né prove né studi scientifici; pretendono che gli si creda sulla parola.

Se proprio si vuole parlare di comportamenti di un genitore che allontanano i figli da lui stesso parliamo di violenza in famiglia, abusi sessuali sui figli, ma anche pressioni psicologiche; sono proprio i bambini che ne fanno testimonianza e in realtà le stesse allontanano i figli proprio dal genitore che le mette in atto.
Ma loro non si rassegnano alla realtà, tanto da giungere, contraddicendosi, a parlare di alienazione parentale causata dal genitore non collocatario, pur di mantenere il punto, e cioè screditare la testimonianza dei bambini e tutelare il genitore maltrattante, violento o abusante. E di quest’ultima trovata, cioè dell’accusa di alienazione parentale non più al genitore collocatario ma a quello non collocatario, ho ben tre casi, uno a Bari, uno a Milano e l’ultimo a Venezia. Davvero una bella coerenza.

HOUSTON ABBIAMO UN PROBLEMA

Ed è un problema grosso, quello del giornalismo italiano.

Sulla vicenda di Reggio Emilia si sono davvero scatenati, elettroshock, scosse elettriche, e chi più ne ha più ne metta.

Ma … un minimo di informazione prima di scrivere cazzate? Io ci ho messo dieci minuti a fare una ricerca scoprendo che non c’è nessun elettroshock e nessuna scossa elettrica.

Ecco un’ampia panoramica delle cazzate scritte in questi giorni; e ci sono cascati anche giornali blasonati.

 

DDL PILLON: LA CAPORETTO DELLA LEGA

Non sono in grado di indicare quando ciò avverrà ma molti segnali mi fanno capire che non siamo molto lontani dalla débâcle, nonostante la massiccia propaganda a tappeto che viene svolta dal suo leader e il mostruoso armamentario di promozione della sua immagine.

Lungi dalla rapida approvazione prospettata dal suo primo firmatario (entro pochi mesi ebbe a dichiarare) il cammino del DDL, e degli altri collegati, si è mostrato irto di ostacoli sin dal suo inizio.

Confidava di acquisire la firma di tutti i senatori di maggioranza in Commissione giustizia del Senato ma si trovò di fronte alla presa di posizione di alcuni senatori 5 stelle che rifiutarono di firmare a scatola chiusa, volendo approfondire i contenuti del DDL.

La data di approvazione venne rinviata a Natale.

Sin da subito il DDL è stato criticato da gran parte della società civile (quella vera non quella delle associazioni dei padri separati), dalle reti dei centri antiviolenza a numerose associazioni forensi, esperti giuristi, comitati spontanei di cittadini ed esperti, ecc.

Ormai la guerra lampo contro donne e bambini vittime di violenza, preannunciata dal senatore leghista e dai padri separati sostenitori del suo DDL, si è trasformata in una guerra di posizione; e si sa che le guerre di posizone vedono sempre perdente chi attacca, che si logora nell’attesa, mentre favoriscono chi si difende che può così rafforzare le proprie posizioni e innalzare ulteriori barricate.

Al termine delle audizioni in Commissione giustizia il senatore leghista ha cercato di rassicurare le sue truppe parlando ancora di tempi rapidi per mettere a punto il DDL conclusivo (entro Pasqua), ma non ha escluso il ricorso alla sede referente, cioè alla discussione in aula al Senato, prospettata da alcuni senatori dell’opposizione. Ma sa, o dovrebbe sapere, perché a questo punto ogni dubbio è lecito sulla sua competenza, che il regolamento del Senato non prevede che un singolo senatore possa chiedere il passaggio di un DDL dalla sede redigente alla sede referente, ma può farlo una certa quota di senatori. Solo tatticismi per tenere buona la truppa.

Gradualmente, alcuni dei sostenitori della prima ora si sono sganciati (es. il Dr Camerini che dopo aver rivendicato la paternità di alcuni articoli del DDL li ha poi rinnegati, senza nemmeno attendere il fatidico terzo canto del gallo).

Continua a resistere il pediatra di Varese che parla di approvazione entro i primi mesi del 2020; ma questa esternazione sa tanto di tattica dilatoria per non prendere atto della sconfitta. E questo lo hanno ben capito i padri separati che ormai hanno dato luogo a una contestazione senza mezzi termini.

Il colpo decisivo lo stanno dando alcune amministrazioni comunali (Torino, Bergamo, Fano, Fiumicino, ecc) che chiedono a gran voce il ritiro dei DDL perché pericolosi per la tenuta sociale; poche per ora ma c’è tempo per convolgerne altre.

La discussione venne rinviata al 7 maggio ma da una recente esternazione del sen. Pillon apprendiamo che è tutto rinviato a dopo le elezioni europee. Da fine maggio all’inizio delle ferie estive è un amen e da lì a fine anno un istante. Salvo caduta del governo e di tutto il cucuzzaro.

VERSO LA SEDE REFERENTE

Ddl Pillon, la maggioranza prende tempo

In tempi non sospetti lo avevamo anticipato; non è un plurale maiestatis ma è il riconoscimento a quanti hanno contribuito alla discussione che ha portato alla costituzione del COM.SEP.

Una questione così importante come un provvedimento di modifica del diritto di famiglia non poteva essere oggetto di un quasi golpe parlamentare voluto da un senatore della Lega che confidava in una rapida approvazione del suo scellerato DDL; entro Natale, aveva promesso a quelli squinternati dei padri separati riuniti in false associazioni.

Ma il rispetto della dialettica democratica non è nel DNA della Lega, né evidentemente nel DNA politico del sen. Pillon, né tantomeno in quello dei padri separati che hanno scritto il DDL.

Adesso la discussione si sposta in Aula, al Senato, e vedremo di far cadere uno per uno tutti i pilastri di questo DDL e degli altri collegati.

L’unica modifica alla Legge 54/2006, e quindi al Codice civile per gli aspetti della separazione e affidamento dei minori, è quelle di introdurre i principi della Convenzione di Istanbul.

1) Niente mediazione familiare nei casi di violenza in famiglia (art. 48).

2) I diritti dei minori alla sicurezza e alla propria incolumità sono diritti prioritari rispetto a ogni preteso diritti degli adulti (art. 23 e 31); questo significa niente affido e niente frequentazione per il genitore violento o abusante.

Questo è l’unica base per una discussione sulle modifiche al diritto di famiglia.

 

LA FOLLIA DELLA MEDIAZIONE FAMILIARE OBBLIGATORIA – I

OVVERO, QUANDO CONTRARRE MATRIMONIO È PEGGIO CHE CONTRARRE UNA GRAVE MALATTIA

Perché se si ha una grave malattia è possibile curarla a spese del SSN ma sul matrimonio in crisi piombano immediatamente, come avvoltoi, tanti pseudo-esperti il cui unico obiettivo è di ripulire fino all’ultimo euro la famiglia in procinto di separarsi.
Un cenno alla cosiddetta mediazione familiare lo si trova nella legge 54 che dal 2006 grava come una spada di Damocle sulle famiglie che si separano; il secondo comma dell’art. 155-sexies testualmente recita:

Qualora ne ravvisi l’opportunità, il giudice, sentite le parti e ottenuto il loro consenso, può rinviare l’adozione dei provvedimenti di cui all’articolo 155 per consentire che i coniugi, avvalendosi di esperti, tentino una mediazione per raggiungere un accordo, con particolare riferimento alla tutela dell’interesse morale e materiale dei figli.

La legge 54 parla di ‘tentativo’ che i coniugi dovrebbero esperire prima che il giudice adotti i provvedimenti previsti dall’art. 155; tentativo che dovrebbe mirare al raggiungimento di un accordo per tutelare l’interesse morale e materiale dei figli, e ciò avvalendosi di ‘esperti’.

La mediazione familiare presuppone quindi che esistano degli ‘esperti’ in mediazione familiare; ma cosa significa esperto? Chi certifica, non tanto l’esperienza, ma la competenza di taluni soggetti a intervenire in un campo così delicato come quello delle relazioni familiari nel momento in cui la famiglia si sta rompendo?

La formazione dei mediatori familiari deve prevedere un percorso universitario mediante corsi di perfezionamento post-laurea di durata adeguata (almeno due anni), che comprendano l’insegnamento multidisciplinare di nozioni di diritto civile e diritto di famiglia, psicologia, pedagogia e scienze sociali, come minimo. Bisogna predefinire da quali percorsi di laurea si può accedere ai corsi di perfezionamento in mediazione familiare: giurisprudenza, scienze della formazione, scienze sociali (non certo ingegneria, tanto per fare un esempio). Occorre un Albo nazionale dei mediatori familiari, un codice etico-deontologico, ma soprattutto l’incompatibilità con lo svolgimento di altre professioni e quindi l’incompatibilità con l’iscrizione ad altri albi professionali (non come la sconcezza attuale di avvocati iscritti anche all’albo degli psicologi).
Tutto questo non è garantito dalla normativa vigente.

Ciò che si osserva nel campo della mediazione familiare è la giungla più completa; le competenze, ammesso che esistano, sono autocertificate, ma nessuno è in grado oggi di attestare la reale competenza professionale dei cosiddetti mediatori familiari. Essere in possesso di una laurea in psicologia, pedagogia, giurisprudenza o altro non abilita affatto allo svolgimento di questa delicata professione; se poi aggiungiamo che si sono riciclati come mediatori familiari medici-legali e addirittura un laureato in fisica, abbiamo il quadro completo del caos che esiste in questo delicato settore. Per non parlare dei cosiddetti centri di mediazione familiare, legati a filo doppio con le associazioni dei padri separati, e quindi covi di maschilisti misogini, ancora traumatizzati dalla propria personale separazione familiare e che non vedono l’ora di farla pagare a tutte le donne del mondo.
Può chi ha sfasciato in malo modo la propria famiglia ‘aggiustare’ le famiglie altrui?

Ma veniamo agli accordi oggetto della mediazione familiare.
Le relazioni economiche possono anche essere oggetto di un accordo, ma le relazioni affettive? Se alla separazione coniugale si arriva dopo anni di violenze intrafamiliari è minimamente pensabile che possa esserci un accordo? Su cosa? Se tra i motivi della separazione vi sono per esempio abusi sessuali sui figli è pensabile che possa esserci un accordo? Anche qui, su cosa?

Perché, non nascondiamoci dietro un dito, il tutto ruota intorno a questo, e cioè alla pretesa dei padri violenti e abusanti, riuniti in associazioni, di continuare a mantenere la relazione con la ex-moglie e con i figli per continuare a esercitare le violenze e gli abusi.
Se come contributo al mantenimento dell’ex-coniuge e dei figli uno offre 100, l’altro chiede 200, compito della mediazione sarà quello di avvicinare questi estremi.
Ma se un coniuge intende sottrarre i figli alle violenze o agli abusi dell’altro, quale compito si propone la mediazione? Invece che picchiare o abusare i propri figli ogni giorno riconosciamogli il diritto di visita ogni quindici giorni così potrà farlo solo due volte al mese?

FRAMMENTI DI INCONTRI PROTETTI – I

Madre: Stai tranquilla, tranquilla…
Minore (rivolta allo Psicologo, parlando della madre): …mi costringe…
Psicologo: Che bella …
Madre: Ma dottore, non si può andare avanti così … non è normale … mi dica lei …
Minore: Io lunedì non sono neanche andata a scuola.
Madre: Non è andata a scuola lunedì… i compiti prende benino… prima prendeva dieci…
Psicologo: Dai, vieni a parlare con la dottoressa. (Assistente sociale)

Assistente sociale: Ciao: fammi un po’ di compagnia … vedi che bella bimba.
Psicologo: Vedi che bel sorriso che ha …
Assistente sociale: Che c’è?
Minore: Non voglio entrare… (piange)
Assistente sociale: Dammi la manina …
Minore: No.
Assistente sociale: Che bella piccina … ha gli occhi come i tuoi.
(voce femminile): Io una volta ero bella.
Minore: Lo sei. Io lunedì non sono andata a scuola perché mi fate sentire male …
(voce femminile): Chi ti fa sentire male?
Minore: Loro, perché mi costringono.
(ridono)
(voce femminile): Ha ragione mio figlio; quando era piccolo, mio figlio un giorno stava vedendo un film e venne da me e disse: “mamma, tu fai l’assistente sociale, ma tu non sei come gli altri assistenti sociali; tu dovresti denunciare perché dicono che gli assistenti sociali sono cattivi, invece non è vero”.
Psicologo: Cattiva è la nostra assistente sociale? No, mamma mia…
(voce femminile): E niente, sì, devo denunciare, perché non è vero quello che si dice nei film.
Assistente sociale: Ma lei lo sa che sono buona, vero?
Minore: No.
A: Come no?
(voce femminile): È cattiva?
Minore: Sì, perché mi costringete a stare in una stanza dove non voglio stare… non è per la stanza… è per… (viene interrotta con delle risate).
Assistente sociale: Vuoi fare una passeggiata con me?
Minore: No.
(voce femminile): Perché non ve ne andate ai giardini?
Assistente sociale: Andiamo ai giardini a giocare?
(voce femminile): Sì, Cambiate luogo…
Assistente sociale: Vuoi che cambiamo luogo?
(voce femminile): Ma tu questa stanza l’hai vista?
Minore: Ma non c’entra la stanza: è per un’altra cosa …
(voce femminile): Che cosa?
Minore: È perché mi fanno vedere una persona che non voglio vedere …
(voce femminile): Una persona che non vuoi vedere … ma questa persona,                                 Minore: Io me ne voglio andare …
Assistente sociale: La mamma se ne è andata oramai …
Minore: Non è vero… non fa niente, me ne vado da sola. Non me ne importa niente … me ne vado.
Assistente sociale: Andiamo ai giardini? Ti devo dire una cosa … Ci laviamo le manine che sono …
Minore: No, perché io sono agitata.
(voce femminile): Quando sei agitata, le tue mani sono sudate?
Minore: Io sudo e ce le ho fredde.
(voce femminile): Vediamo … ghiacciate … povera piccina …
(voce femminile): Ti faccio vedere questa altra stanza.
Minore: No, fatemene andare … me ne voglio andare … Voglio andare da qua … LASCIAMI!
Assistente sociale: Ascolta: tu mi stai rendendo il lavoro difficile.
Minore: Anche tu, guarda!
Assistente sociale: Perché a noi hanno detto determinate cose e noi dobbiamo … ma vieni qui …

(voce femminile): Come sei grande … quanti anni hai?
Minore: Il problema è che non voglio vedere quella persona.
(voce femminile): Chi?
Minore: Mio padre, perché è cattivo.
(voce femminile): Mah? E perché?
Minore: Non si possono raccontare …
(voce femminile): Non si possono raccontare, e vabbé … ma mica stai da sola: ci sono loro
Minore: Si, lo so, però quando io me ne voglio andare non me ne fanno andare
(voce femminile): Allora fai una cosa: ora che loro devono stare con te, stai tranquilla … perché non stai sola con lui, stanno loro.
Minore: Lo so, però io me ne voglio andare
(voce femminile): E se poi te ne vuoi andare, ci provi, no?
Minore: Infatti … io cerco di andarmene, ma non mi fanno andare.
(voce femminile): Eh, si, è normale, perché loro dicono “ma se stiamo noi perché se ne vuole andare?”
Minore: Perché io me ne voglio andare, non lo voglio vedere anche se stanno loro.
(voce femminile): Ma tu lo vedi una volta ogni tanto.
Minore: E non mi interessa: non lo voglio vedere più … mi state facendo agitare.
(voce femminile): Anch’io: vedi le mie mani? Come dobbiamo fare con queste mani … che dai alle persone … è brutto, no? Ma perché, quando vieni interrogata sudi?
Minore: Sì, certe volte.
(voce femminile): Quando specialmente hai matematica? Ci sono le tabelline o è presto?
Minore: No, le ho studiate tutte.
(voce femminile): E le sai tutte, bene? E non ti sudano quando vieni interrogata? E in italiano e in storia …
Minore: Bene.
(voce femminile): Quanto hai preso come voto finale in pagella?
Minore: Dieci.
(voce femminile): E in disegno?
Minore: In disegno dieci e lode.
(voce femminile): Addirittura la lode … figurati le maestre come sono contente.
Minore: Sì, ma questi giorni sto …
(voce femminile): È che stai nervosa.
Minore: Sto nervosa.
(voce femminile): E stai nervosa pure a scuola, scommetto … così succede, mannaggia …
(voce femminile, rivolta allo Psicologo): Mi ha detto che prende dieci e lode in disegno a scuola.
Psicologo: Ooh, dobbiamo far vedere alla dottoressa quanto sei brava.
(voce femminile): Vediamo … senza sudare, sennò bagni il foglio … dai, non sta nessuno, che noi tre siamo …
Minore: Che faccio?
(voce femminile): Metti la sedia meglio.
Minore: Cosa disegno?

Psicologo: Fai un disegno del pagliaccio.
Minore: Non lo so fare…
(voce femminile): Ma bimba …
Psicologo: Vedi che qui siamo di fronte ad una professionista del disegno.
(voce femminile): Devo aver paura: lei mi ha detto che in tutte le materie prende dieci ed in disegno dieci e lode … abbiamo una pittrice …
(voce femminile): Che vuoi fare da grande?
Minore: Non lo so.

Psicologo: Ma poi riesce a cogliere alcuni aspetti; l’altra volta fece me con i capelli … mi ha disegnato con i capelli così …
(voce femminile): Ma come l’hai fatto? (ridono) Più bello lo hai fatto.
Psicologo: Erano i particolari …

A: Ma io ti voglio bene, non mi devi trattare così … capito, amore?
(voce femminile): Continuiamo il disegno … girati dall’altra parte con la testa, che io non vedo, sennò … metti la testa dall’altra parte …
(voce femminile): Chi è? Che scatti come una molla … ehi, ti devi concentrare sul disegno, altrimenti io come faccio a vedere se sei realmente brava? Me lo ha detto lei, me lo ha detto il dottore: io devo vedere veramente se sei brava… … se mi fai un disegno così veloce veloce … dico “bugie mi hanno detto queste persone …”
(voce femminile): Chi ti ha imparato a disegnare? Da sola?
Minore: Sì, da sola.
(voce femminile): Disegni molto, allora?
Minore: Sì, tanto.
(voce femminile): Si vede … ma poi ti piace colorarli, anche?
Minore: E a te no?
(voce femminile): Si … che fa questa bambina? Dove la mettiamo? Su un foglio bianco? Dove la facciamo andare?
Minore: A fare una passeggiata.
(voce femminile): Dove?
Minore: Al parco.
(voce femminile): È proprio bello … quello è lo scivolo …
Minore: Sono le scale.
(voce femminile): Le scale dello scivolo … e la domenica ci vai?
Psicologo: Lo hai visto quant’è brava, ma poi con una prontezza … non indifferente … ehi, che tu sei la mia preferita, non te lo devi scordare … e non dire che non vuoi venire più qua
Minore: Io non ci voglio venire …
Psicologo: E come facciamo senza di te? Dobbiamo fare la foto?
(ridono)
(voce femminile): E questo cos’è? Un altro gioco del parco: l’altalena?
(chiacchierano del parco)
Psicologo: Scrivi il nome
(voce femminile): Non abbiamo finito ancora, dottore.
D: Che cos’è?
Minore: La fontana.
(voce femminile): È vero: così sta alla Villa, con i pesciolini.
Psicologo: Mo’ facciamo entrare papà e glielo facciamo vedere.
Minore: No, io me ne vado…
(voce femminile): E noi continuiamo il disegno … lo facciamo entrare …
Minore: No, me ne voglio andare, no …
Padre: , e dai …
Psicologo: Scrivi il nome e la data qua.
A: guardami un po’: la devi smettere di recitare questa parte, amore …
Minore: No, non sto recitando…
Padre: Si, è vero, perché sei una bravissima attrice.
Minore: Lasciatemi stare; già avevo mal di pancia e lunedì non sono andata a scuola
Padre: Madò …
Minore: Questo è il bene che mi vuoi, costringendomi a venire qua? Questo è il bene che mi vuoi, secondo te? Tu sei cattivo, mi costringi a venire qua e oggi dovevo andare da una mia amichetta: e lasciami! No, tu sei cattivo, lasciami stare …

VAI ALLA SECONDA PARTE

MASSIMA INCOERENZA

L’anno scorso la pensavano così.

Quest’anno invece la pensano così.

Come la penseranno il prossimo anno?

Ci dev’essere una logica in questa incoerenza. Forse negli anni dispari ritengono che la cosiddetta alienazione parentale non sia una patologia ma un illecito; negli anni pari invece tornano a pensare che sia una patologia e si inventano metodi per curarla.

Questa presunta cura ha un riconoscimento scientifico o è la solita patacca? Un po’ come l’affare stamina, anche lì uno psicologo si era inventato una cosa inesistente. Eh già, l’illecito non porta reddito agli psicologi giuridici, curare patologie inesistenti invece sì.

DAL BRASILE UNA GRANDE LEZIONE DI CIVILTÀ

Nel 2010 un’associazione di padri separati esultò alla grande per l’approvazione in Brasile di una legge che riconosceva l’alienazione parentale.

Adesso, dopo otto anni, il Brasile ha voltato pagina e ha approvato una legge per la protezione di donne e bambini dalla violenza e dagli abusi sessuali.

La legge modifica il Codice civile brasiliano prevedendo la perdita dell’affidamento e della custodia dei figli (potestà genitoriale) per il genitore violento o abusante.

«Lo scorso mercoledì il Senato ha approvato la PCL 13/18. La proposta, presentata dalla deputata Federale Laura Carneiro, determina che le persone che hanno commesso crimini contro il padre o la madre dei propri figli perderanno automaticamente il potere familiare – relativo alla custodia dei minori».

Il Sud-America non ha la Convenzione di Istanbul ma ha una Convenzione Interamericana per la prevenzione della violenza contro le donne, Convenzione di Belém che risale al 1994.
Ventiquattro anni per la sua applicazione.
Noi in Italia dobbiamo aspettare altrettanto per vedere applicata la Convezione di Istanbul?

In Brasile hanno voltato pagina sull’alienazione parentale perché in questi otto anni si sono resi conto del disastro sociale provocato dall’utilizzo di questo concetto nei processi di separazione e affidamento dei minori.
Si sono resi conto che stavano tutelando il genitore violento o abusante invece di tutelare realmente donne e bambini.
Si sono resi conto della mistificazione di Gardner e dei suoi seguaci, o ‘fedeli’, secondo la sua stessa dichiarazione alla Conferenza di Francoforte del 2002.

L’attuale Governo italiano invece, condizionato dalla presenza nella maggioranza di una forza politica razzista, omofoba e misogina, quindi sostanzialmente fascista, ha previsto nel contratto di governo norme per tutelare i padri violenti o abusanti, mistificandole come lotta all’alienazione parentale.
L’approvazione di queste norme, come dai primi Disegni di legge presentati (n° 45 e n° 735), ispirati dalle associazioni di padri separati, ci porterà al medesimo disastro sociale.

L’Italia non ha bisogno di una legge sull’alienazione parentale perché questa congettura, priva di basi logiche e scientifiche, mira solo a proteggere i genitori violenti o abusanti e a occultare le violenze su donne e bambini.
L’Italia ha bisogno di norme per l’applicazione della Convenzione di Istanbul.

AGGIORNAMENTO

Il suddetto progetto di legge è stato ratificato dal Presidente della Repubblica e pubblicato come Legge federale n. 13715 del 24/09/2018.