Tag Archives: violenza in famiglia

LE CARTE TRUCCATE DELLA PSICOLOGIA GIURIDICA-I

Circolano in rete innumerevoli carte, protocolli e linee guida messi a punto dagli psicologi giuridici.
Che valore normativo hanno queste carte? Pari a zero.
Che valore scientifico hanno queste carte? Meno di zero. Tranne in qualche caso, non riportano alcuna bibliografia che supporti le affermazioni ivi contenute; le stesse sono solo pareri personali di chi le ha scritte. Si basano ancora sul medievale principo di autorità; ne ho parlato qui.

Ma c’è di più.
La psicologia giuridica italiana vede tra i suoi membri alcuni avvocati e alcuni psicologi-psichiatri-neuropsichiatri infantili in qualità di consulenti.
Gli avvocati che ne fanno parte si ritrovano molto spesso a difendere presunti pedofili, in casi di presunti abusi sessuali sia singoli sia collettivi. Compito dell’avvocato è, ovviamente, quello di difendere al meglio il suo cliente; avvocati che assumono la difesa di presunti pedofili debbono, ovviamente, industriarsi al meglio delle loro capacità per tirare fuori dai guai il proprio cliente. E fin qui non ci piove.
Le cose cominciano a essere meno logiche quando questi avvocati, e i loro consulenti, spacciano per protocolli o carte o linee guida a tutela dei minori quelle che sono, necessariamente, carte, protocolli, linee guida per difendere al meglio i propri clienti; che sono, non va dimenticato, presunti pedofili e, più di recente, presunti violenti o maltrattanti in famiglia.
Si tratta di manipolazione pura e semplice.

Ma c’è ancora di più.
In molte di queste carte vengono espresse opinioni che oltre a non essere supportate da riferimenti bibliografici precisi e puntuali, contengono concetti non corrispondenti ai documenti ufficiali, cui pure fanno riferimento, o totalmente privi di validità scientifica.
Prendiamo l’esempio della cosiddetta Carta di Civitanova Marche; si tratta di un documento che risale al 2012, firmato da una quindicina tra avvocati e consulenti.
A un certo punto si legge:

Nel richiamato art. 9 della Convenzione di New York si legge invece:

Quello che per le convenzioni internazionali è un diritto del fanciullo (“non essere separato dai suoi genitori“) per gli psicologi giuridici e i loro consulenti che hanno firmato la Carta di Civitanova diviene un diritto degli adulti (“diritto di ciascun genitore di non essere separato“).
È questa l’interpretazione che loro danno della legge 54/2006 ed è questo che sostengono nelle CTU e che porta ai disastri che vediamo (bambini allontanati dalle madri protettive e affidati ai padri violenti o abusanti). Perché gli psicologi giuridici e i loro consulenti tutelano i diritti degli adulti e se ne infischiano dei diritti dei bambini; lo hanno scritto chiaramente pervertendo una convenzione internazionale.

Agli psicologi giuridici piace vincere facile; ma per vincere facile bisogna truccare le carte. Ed è quello che loro fanno con estrema disinvoltura.

SEGUE

IL PIRIPACCHIO

Il termine ‘piripacchio’ (che non significa assolutamente nulla) è stato usato da uno dei più noti talebani della PAS, o alienazione parentale, in una recente esternazione: «se non vogliamo chiamarla “alienazione” chiamiamola “piripacchio”, non importa», ha scritto.
Sarebbe a dire che non importa quale parola si utilizzi, purché il fine della CTU sia sempre quello di togliere i figli al genitore protettivo (di solito la madre) per consegnarlo al genitore violento o pedofilo (di solito il padre).

E costui è uno che ha studiato; immaginiamoci gli altri.
Non ama i dibattiti; infatti scrive pure: «Tutte queste polemiche e questi pubblici dibattiti su “alienazione sì-alienazione no” sono tristemente scoraggianti e non offrono una bella immagine di come sono affrontate le questioni familiari nel nostro Paese, integralmente spostate sul piano ideologico e politico».
Fa finta di non accorgersi che chi è integralmente spostato sul piano ideologico sono proprio quelli come lui che continano a sostenere l’insostenibile, cioè la cosiddetta alienazione parentale, contro ogni evidenza logica prima che scientifica.

E si considera un vero esperto, lui; scrive ancora: «La discussione si è talmente volgarizzata e imbarbarita che i veri esperti che hanno studiato il problema se ne tengono accuratamente fuori, lasciando campo aperto alle rozzezze dei polemisti di varia estrazione».
Cioè, non avendo ormai più argomentazioni per controbattere le critiche contro la cosiddetta alienazione parentale dice che se ne tiene, olimpicamente, fuori.

Eh no! Non può pensare di cavarsela così a buon mercato.
Lui sostiene che: «È ovvio che se un figlio / una figlia rifiuta un genitore maltrattante o trascurante non si può parlare di alienazione e la sua volontà va rispettata».
Sta quindi affermando che maltrattamenti e trascuratezza (io ci metto pure violenza e abusi sessuali) sono criteri di esclusione della cosiddetta alienazione parentale.
Ma poi, nel descrivere i criteri per riconoscere la cosiddetta alienazione parentale, il primo degli otto loro criteri è la cosiddetta ‘campagna di denigrazione’ che comprende, appunto, le accuse di violenza, abusi sessuali, maltrattamenti, trascuratezza. E non può negarlo, lo ha scritto chiaramente in un articolo pubblicato da Psicologia contemporanea, forse lo ha dimenticato, ma noi no.

Questi soggetti devono fare pace con la logica, ovvero con il proprio cervello: violenza, abuso sessuale, maltrattamento, trascuratezza, sono criteri di esclusione dell’alienazione parentale o sono il primo dei cosiddetti otto criteri per riconoscere la cosiddetta alienazione parentale?
Tutte e due le cose non possono essere; A non può essere non-A.
Poi, visto che ha studiato, dovrebbe avere la bontà di spiegar-si cosa c’entrano le strutture dissipative con tutto questo discorso.
No, perché qui l’unica cosa che stanno dissipando, con la cosiddetta alienazione parentale, è l’etica; in omaggio a questo concetto perverso stanno consegnando i bambini proprio al genitore violento o abusante. È vero, fanno molti soldi con questa faccenda dell’alienazione parentale; ma poi che se ne fanno di tanti soldi quando scoprono, per esempio, che una figlia che avrebbe dovuto laurearsi non è nell’elenco dei laureandi perché … non ha sostenuto nemmeno un esame? O, altro esempio, un figlio si impicca a un albero? O uno di loro ammazza il fratello passandogli sopra con l’auto più volte?

Nemesi è sempre in agguato, se lo ricordino.
Non sono le separazioni conflittuali il vero problema di salute pubblica ma la violenza e gli abusi sessuali sui minori, che sono sempre più diffusi in tutti gli strati sociali. Certo, li fanno assolvere i pedofili e i violenti, con le loro carte di Noto, ma poi ci pensa Nemesi a compensare il dare e avere.
Dice bene alla fine, mala tempora … , ma per loro e i loro concetti perversi.

I TELOMERI E IL RIFIUTO DI UN GENITORE

Cosa sono i telomeri?
È spiegato abbastanza bene qui; una spiegazione più scientifica si trova qui.

Detto questo, cosa c’entrano i telomeri con le separazioni coniugali in cui un figlio rifiuta un genitore?
Praticamente nulla, sono questioni di livello logico differente che non dovrebbero essere confuse tra loro. Ma c’è chi di questa confusione dei linguaggi ne ha fatto un brand; si tratta del pediatra di Varese ossessionato da bigenitorialità, residenza alternata, ecc.
Spinto da questa sua ossessione rastrella il web alla ricerca di studi che possano essere utilizzati per sostenere le sue tesi. Tra questi studi ne ha trovato uno sui telomeri e lo ha citato in un suo articolo pubblicato su una rivista a pagamento; cioè tu gli paghi 1.500 dollari e loro ti pubblicano l’articolo.

L’articolo da lui citato è questo; il titolo in italiano suona più o meno così: “Gli eventi avversi infantili aumentano l’impatto dello stress assistenziale in età avanzata sulla lunghezza e sull’infiammazione dei telomeri“.
Sul momento non ho dato eccessiva importanza a questa citazione, conoscendo la scarsa capacità del soggetto di saper leggere e interpretare la letteratura scentifica.

La citazione, in un testo che sto leggendo, di un lavoro analogo mi ha spinto a rileggere il lavoro citato dal soggetto di cui sopra.
L’obiettivo del lavoro era quello di studiare se l’abuso infantile e altri eventi avversi infantili potessero avere conseguenze durature anche nella tarda età, circa l’infiammazione e l’invecchiamento cellulare, e potessero essere distinti dallo stress cronico per il carico assistenziale riveniente dal dover assistere un familiare affetto da demenza.

Come si vede, nulla a che fare con le separazioni coniugali, la bigenitorialità e la residenza alternata, sue fissazioni monotematiche.
Naturalmente, credo che il soggetto non abbia letto, non dico l’articolo, ma almeno il riassunto; avrebbe così scoperto che l’obiettivo del lavoro non era quello che lui cercava, ma, soprattutto, leggendo l’intero articolo, che per indagare gli eventi avversi infantili gli autori dell’articolo hanno utlizzato la scala CTQ (Questionario sul Trauma Infantile – Childood Trauma Questionnaire).
La scala CTQ è un questionario autosomministrato che consta di 28 item che indagano gli eventi avversi infantili e cioè l’abuso fisico, l’abuso sessuale, l’abuso emotivo, la trascuratezza fisica e la trascuratezza emotiva. Nessun item riguarda il rifiuto di un genitore o la bigenitorialità o la residenza alternata.
Naturalmente, in una Italia caratterizzata da un elevato livello di analfabetismo funzionale ma anche di ignoranza vera e propria, le tesi del suddetto soggetto riscuotono grande consenso nella piccionaia delle associazioni di padri separati e fascio-leghisti.

Ho parlato più sopra di un secondo articolo che ho trovato citato in un libro che sto leggendo. Si tratta di questo; titolo in italiano: “L’associazione della lunghezza dei telomeri con la violenza e le perturbazioni familiari“.
Questo studio dimostra che i telomeri sono di lunghezza ridotta nei bambini esposti a violenza familiare e che hanno anche subito l’allontanamento o una minore frequentazione con il genitore tutelante. Il genitore tutelante ha una funzione di buffering protettivo che contrasta lo stress che porta alla riduzione di lunghezza dei telomeri.

Allontanando quindi il bambino dal genitore tutelante, cosa che i geni psicologici nostrani propugnano nelle CTU, si fa al bambino un danno incommensurabile che lo danneggerà per sempre. Non riescono proprio a capire, questi CTU, che il bambino con il rifiuto di un genitore si sta semplicemente difendendo dalla violenza o dagli abusi sessuali. Non è affatto un bambino alienato, o adesivo, secondo le idiozie più recenti ma solo un bambino che si difende dalla violenza e dagli abusi sessuali.