L’IGNORANZA È DURA A MORIRE

Leggo sul web di un master in psicologia giuridica organizzato da un provider accreditato presso il Ministero della salute.

Fin qui nulla di strano; trovo invece non strano ma proprio da autentico orrore il fatto che nel secondo modulo di questo master sia prevista una lezione sui “Criteri psicologici per l’individuazione della Sindrome di Alienazione Genitoriale (PAS)”.

Ancora, nell’anno di grazia 2019, c’è chi ripropone la falsa malattia, la scienza spazzatura (junk-science, secondo la definizione di Paul Fink).

La PAS non è stata mai presa in considerazione come malattia dalla psichiatria ufficiale internazionale, non è stata mai ricompresa nella classificazioni ufficiali, non è descritta in nessun trattato di psichiatria.

In Italia nel 2012 il Ministro della salute ha dichiarato che la PAS non ha alcun fondamento scientifico. E ancora oggi dobbiamo assistere a questa cosa allucinante, delirante, di un insegnamento sulla PAS svolto nel corso di un master che dovrebbe riconoscere ai patecipanti addirittura del crediti ECM; purtroppo da questo master basato sulla PAS i partecipanti potranno ricevere solo debiti ECM, solo disinformazione della peggiore specie.

Ho segnalato la cosa al Ministero della salute; voglio sperare che intervengano bloccando questo festival dell’ignoranza.

 

2 thoughts on “L’IGNORANZA È DURA A MORIRE

  1. Grazie per l’interessante riflessione. Penso sia sempre utile in questi casi fare circolare anche nomi e cognomi di “professionisti” che tengono questo genere di corsi, in modo che si conosca e riconoscano e per lo meno non vengano chiamati dai tribunali come CTU in quanto portatori di posizioni preconcette e contrarie alla scienza che dovrebbero rappresentare. Vorrei che questo fosse un elemento sufficiente per poterli ricusare come CTU (e magari anche il/la giudice che li nomina)

    1. Purtroppo se si fanno nomi si rischia poi una querela per diffamazione. Circa la ricusazione, ci abbiamo provato più volte ma pare non costituisca motivo sufficiente a ricusarli.

Comments are closed.