IL MINESTRONE DEL MINISTERO

La risposta del Ministro della salute all’interpellanza sull’alienazione parentale (n. 4-02405) è un autentico minestrone di concetti privi di validità scientifica; naturalmente ciò non è imputabile al Ministro ma a chi è stato da lui delegato a redarre il suddetto parere.
Con questo post intendo dimostrare come è stato composto questo minestrone, facendo il copia-incolla di articoli reperiti sul web, senza un minimo di senso critico; ma soprattutto dimostrando la totale ignoranza della questione ‘alienazione parentale’ di chi ha scritto quel parere .
Vi si legge infatti:

Da dove è stato scopiazzato?
Dai seguenti articoli:

Questo pezzo è tratto da un articolo di sostenitori della PAS, del 2014, che riprendeva il falso comunicato stampa della SINPIA, ampiamente criticato, sparito dal web e dal sito della SINPIA perché vergognoso, e ormai reperibile solo su alcuni siti di associazioni di padri separati. Naturalmente conteneva un mucchio di sciocchezze, come è nello stile dei sostenitore della PAS, perché l’Asse V del DSM-IV non parla affatto né di problemi relazionali né tanto meno di alienazione parentale; secondo la classificazione multiassiale prevista dal DSM-IV, in Asse V si riporta un punteggio ricavato dalla Scala Globale del Funzionamento, come nell’immagine che segue.

Il secondo articolo copia-incollato è il seguente:

Questa la traduzione:
«Sulla base delle ricerche effettuate, si può affermare che l’alienazione di genitore non corrisponde a una “sindrome” o a uno specifico “disturbo” psichico individuale. Può essere meglio definita come un modello di famiglia disfunzionale relazionale determinato dal genitore escludente o “alienante”, dal genitore escluso o “alienato” e dal bambino, ciascun membro di questa triade con il suo proprio contributo di responsabilità.»
Va precisato che la ricerca effettuata dagli autori di questo articolo è consistita nel cercare su motori di ricerca alcuni articoli che parlano di alienazione parentale e su di essi, circa 28 articoli trovati, hanno basato il proprio articolo; non hanno svolto una ricerca empirica sul campo ma solo una ricerca virtuale. Se questa è scienza!!

Sempre da questo articolo è stata copia-incollata una definizione di problema relazionale che è inesistente nel DSM-5.

Fedelmente riportata nella risposta del Ministro.

Naturalmente questa definizione non esiste nel DSM-5, non è riportata in nessuna pagina del manuale. Ecco come il DSM-5 definisce i Problemi relazionali.

Nella versione italiana:

Ora, senza presunzione alcuna, credo che il Ministro debba subito avviare un’indagine interna, individuare il responsabile di questo minestrone e mandarlo a casa.